ArtPhotò

LA VIOLENZA Dialogo con Alfredo Bosco e Domenico Quirico al Polo del '900.

__Alfredo_Bosco_007_forgotte_guerrero_copia.JPG

VIOLENZA DEGLI UOMINI DELLA NATURA
ArtPhotò coglie l’occasione del riconoscimento ad Alfredo Bosco, per il suo progetto “Forgotten Guerrero”, del premio speciale “For Humanitarian Photography” del Comitato Internazionale della Croce Rossa al concorso Andrea Stenin a Mosca e del Visa d’Or Humanitarian Award ICRC nel 2020 al festival di fotografia Visa Pour l’Image, per il dialogo ormai annuale con Domenico Quirico. Dialogo nato nel 2017 per mettere insieme le testimonianze di immagini e parola. Iniziato con Ferdinando Scianna sul tema del “dolore” per proseguire con Ivo Saglietti su quello della “rivoluzione” e l’anno scorso con Marco Gualazzini, vincitore del WPP sull’”Africa”. Quest’anno è Alfredo Bosco che dialoga con Domenico Quirico sul tema della violenza al Polo del ‘900.
“La parola di Quirico incontra le immagini di Bosco cercando di descrivere la forza impietosa della violenza, dell’uomo sull’uomo. La violenza paralizza le sue vittime con la paura per sé, per i propri cari, per intere popolazioni. Ha molti volti che prosciugano di lacrime l’uomo falciandone dignità rispetto compassione. Alfredo Bosco, fotoreporter, dice “bisogna mostrare la violenza per comprenderla “e Domenico Quirico dice che “per raccontare la violenza, ritrovarne l'orma e sentirne l'eco si deve pagare un prezzo”. La malvagità, la brutalità della violenza spesso indossa gli abiti della morte e diventa protagonista nelle guerre, contrabbandi, povertà, dolore. Bosco e Quirico, testimoni, guardano con la stessa prospettiva per farci conoscere e comprendere.” TB.
Un dialogo per parlare dei “molti volti” della violenza di quanto avviene in diverse parti del mondo dal Messico al Donbass, tutte situazioni che hanno radici lontane nel nostro inquietante, affascinante, storico ‘900. Modera l’incontro Tiziana Bonomo di ArtPhotò.



SCHEDA INFORMATIVA
Quando 4 novembre 2020 ore 18
Cosa Incontro in streaming con Alfredo Bosco e Domenico Quirico
Dove La diretta dal Polo del '900 sulle pagine Facebook di ArtPhotò https://www.facebook.com/artphotobonomo/ e del Polo del ‘900 https://www.facebook.com/ilpolodel900 e su You Tube di ArtPhotò https://www.youtube.com/channel/UC0B_XsXpHiy7mOouij3WDew
L’evento inizialmente previsto in Sala ‘900 il recente DPCM del 25/10/2020 pone alcune limitazioni allo svolgimento degli eventi; in ragione delle ultime disposizioni, non è più consentita l'apertura al pubblico delle iniziative che si svolgono negli spazi del Polo del ‘900, nemmeno su prenotazione nominale.

INFO E CONTATTI
Artphotò di Tiziana Bonomo
Telefono +39 335.781.59.40
Email info@artphotobonomo.it

more
CS_Incontro_4nov2020_Violenza_Bosco_Quirico.pdf (4.96 MB)

TORINO FERITA 11DICEMBRE1979 Convegno a Palazzo Lascaris



Convegno
Sono passati 40 anni dal giorno dell’attentato alla Scuola di Amministrazione Aziendale (SAA) ad opera del gruppo terroristico denominato Prima Linea, uno degli episodi più cruenti e sanguinosi (10 persone ferite tra studenti e docenti) del terrorismo a Torino. E a conclusione di quel 1979, Torino divenne l’emblema di una città ferita, per il tributo di vite umane pagato alla follia dell’eversione terroristica.
L’irruzione armata all’interno della sede della SAA, infatti, fu preceduta a settembre dall’omicidio dell’ingegnere Carlo Ghiglieno, alto dirigente della Fiat, ucciso proprio da un commando di Prima Linea, sotto casa, in via Petrarca all’angolo con Corso Massimo D’Azeglio.
L’attacco alla SAA insieme all’omicidio di Carlo Ghiglieno si inseriva nel delirante progetto del gruppo terroristico, inteso ad inserirsi con la violenza nello scontro sindacale da tempo in atto nel mondo del lavoro, che soltanto poco mesi prima aveva vissuto un drammatico rinnovo contrattuale dei metalmeccanici.
L’anno 1979 fu un Annus horribilis per Torino, su cui si concentrò l’offensiva di Prima linea fin dai primi mesi con una serie di attentati, tra cui l’uccisione della guardia carceraria Giuseppe Lo Russo e i ferimenti del medico Grazio Romano e della vigilatrice Raffaella Napolitano, entrambi operanti nel carcere torinese delle Nuove.
Perché un convegno? Perché come osservato da uno degli organizzatori e vittima dell’attentato “la problematica del terrorismo è stata in questi anni già, da differenti parti e contesti, molto trattata, sfruttata, ridotta e semplificata a problematiche sociali e politiche, trascurando forse quelle umane, “della persona”, l’ipotesi, è di andare in una diversa prospettiva. Vale a dire confrontarsi sul tema più generale della violenza.”
Prendendo spunto da questa considerazione il programma prevede nella parte centrale relatori che si confronteranno sul tema della violenza introducendo però nella prima sezione la memoria storica con testimoni all’attentato alla SAA. L’ultima sezione del programma la riflessione con esponenti del mondo scolastico e lavorativo.
Il convegno si inserisce nell’ambito di una iniziativa promossa dalla Porta di Vetro che ha raccolto il sostegno del Consiglio Regionale del Piemonte e l’adesione della Fondazione CRT e di Aiviter (Associazione Italiana Vittime del Terrorismo). L’iniziativa sarà completata a gennaio da una mostra fotografica, curata da Tiziana Bonomo, che intende coinvolgere gli istituti scolastici di Torino e da un libro che raccoglierà testi e immagini di “Torino Ferita 11dicembre1979”.

SCHEDA INFORMATIVA
Titolo Torino Ferita 11dicembre1979
Data mercoledì 11 dicembre 2019 dalle ore 9 alle ore 13
Ideazione Tiziana Bonomo e Paolo Turin
Organizzazione e cura Associazione La Porta di Vetro insieme ad ArtPhotò
Sede PALAZZO LASCARIS Consiglio Regionale del Piemonte, Via Alfieri 15, Torino
Info e contatti Tiziana Bonomo, +39 335.781.59.40, info@artphotobonomo.it




more
CS_Convegno_Torino_Ferita_3dic2019.pdf (2.89 MB)

search
pages
Link
https://www.artphotobonomo.it/news_press-d

Share link on
CLOSE
loading